Spin Rs, an unprofessional review

Tutto è iniziato alla mia prima ultra.

Ero nel bosco con un po’ di amici cercando di non sputare sangue già durante i primi chilometri. Ad un certo punto, una ragazza compare da un sentiero. “Non ci credo mi ero già persa”, dice la ragazza sorridente e magrolina. Si unisce al gruppo, anzi, più che altro si mette davanti a noi e credo proprio che vada al nostro ritmo solo per paura di perdersi di nuovo (si, lo farà, ma questa è un’altra storia).

Indossa delle scarpe blu elettrico e fucsia e la sua andatura mostra sicurezza ed esperienza. Poi ha stile. Basta poco e sono ormai convinta che le scarpe che indossa debbano essere le migliori. E poi mi hanno detto che è la donna del Coach.

Lightness Experience 2018 at UTMB - Chamonix
Guess who

Questa è la prima volta che ho visto le Spin Rs e i piedi che le indossano sono – si, l’avrete capito – di MC.

Ho corso solo con delle Cascadia e si può dire che non sia una grande fissata (né esperta) di materiale tecnico, per questo colgo l’occasione al volo quando mi capita di partecipare ad un experience SCARPA durante UTMB. Ci faranno testare le Spin RS e correre con Davide Grazielli (lo conoscete?) mangiare e bere. C’è bisogno d’altro?

Stresso MC da settimane per capire che numero devo prendere di queste scarpe. Tutti mi dicono che calzano strette e vado in totale paranoia. Stresso anche tutte le persone che so possano averle già provate e niente, non riesco comunque a dipanare i miei dubbi.

Apro la scatola e dentro ci trovo un 38. Ma non avevo chiesto un 37.5? Oddio, tu che numero hai Mary? Panico. Però che colori! Io comunque me le metto va’.

Ricevo subito un prezioso consiglio da un atleta DU (quelli si che le distrugg..ehm, provano le scarpe): ‘metti la soletta più morbida che trovi nella scatola’. Detto, fatto.

Così – anche stavolta – mi ritrovo a correre con gli amici, sui sentieri del Bianco. Solo che stavolta piove e probabilmente sembriamo una squadra di calcio.

Lightness Experience 2018 at UTMB - Chamonix

Il numero, sembra sia giusto (siete sollevati anche voi non è vero?) e in discesa riesco quasi a star dietro a MC. Sono appena diventate le mie scarpe preferite.

Lightness Experience 2018 at UTMB - Chamonix

Dettagli tecnici? Chiedete al nostro esperto materialista. Uno con due fibbie mi ha detto che è una scarpa che non regala nulla, e questo, penso sia vero. Precisa, leggerissima e con una suola (la litebase Vibram) che fa restare in piedi anche il runner più goffo (questo posso dirlo con certezza).

Lightness Experience 2018 at UTMB - Chamonix

Così dopo Chamonix, ho deciso di lasciare le Cascadia nel portabagagli ed ho dato alle Spin un tentativo serio: Dolomiti di Brenta. Non immaginerete mai cosa è successo.

No, nessun podio né record. Mi spiace, sarebbe stato un bel lieto fine.

Nessun podio ma anche nessuna vescica, ne storta, e questo posso dire che è un vero risultato.

In più – avrei dovuto immaginarlo guardando MC – ma pare che alla scarpa siano state fatte lamine e soletta, perché in discesa ti portano giù in sole due curve.

#nobeeristoofar

IMG_2346

COACH SAYS

Stavolta frego Andrea e faccio l’esperto io. Che poi farsi consigliare da uno che alle 11 ha una birra in mano… ma a mia discolpa posso dire che non guidavo e che si accompagnava bene coi formaggi. Anzi, si sarebbe accompagnata bene se le giapponesi non avessero assaltato il tagliere (ed il prosecco). Ma parliamo di scarpe…

SPIN RS: dopo l’ottima riuscita della SPIN, c’era attesa per la versione RS che doveva sulla carta rappresentare un’evoluzione più ammortizzata ed adatta alle lunghe distanze.

Ma una volta presi in mano già i primi prototipi, avevo capito che era riduttivo ridurla al ruolo di sorella maggiore, perché la RS va a mettersi in uno spazio tutto suo.

La tomaia ricorda quella della SPIN in tutto, con l’aggiunta di un toe bumper che su sentieri sassosi e tecnici si sente e non poco. Qualche rinforzo in più nella parte mediana, ma la calzata resta comoda e la scarpa flessibile e reattiva.

Le grosse novità sono nell’intersuola e soprattutto nella suola MEGAGRIP con LITEBASE: il nuovo tread è aggressivo e da ancora più sicurezza della versione normale, ma grazie all’intersuola più alta e protettiva, non si sente minimamente. La cosa bella è che grazie al LITEBASE tutta questa protezione e grip non si sente sul peso, che è quasi identico alle SPIN.

Il drop diventa 8 mm, ma alla calzata difficilmente si riconosce perché la scarpa resta molto bassa e stabile: forse solo in discesa si nota che la caviglia resta un po’più alta.

Come si comporta sui sentieri? E’una scarpa meno immediata della SPIN, perché è molto più neutrale. Devi metterci del tuo, tenerla su di giri, ma se perde quella sensazione da Formula 1 della SPIN, è decisamente più protettiva e perdona molto, specie in discesa dove aiuta a lasciare andare senza perdere nulla in precisione e stabilità.

Dove la vedo bene: montagna vera dove si apprezza la protezione e leggerezza, sentieri fangosi dove la suola si comporta al meglio, ma anche sulle rocce dove la precisione si fa gradire ed apprezzare. E se vi capita di trovare quei bei battutoni di terra morbida all’americana, rimarrete sorpresi da come si comporta a ritmi veloci…

Distanza: lo chiedete ad uno che usa le SPIN per fare 160 km, quindi non faccio testo. Ma io la vedo dalle sky fino alle 50 miglia per tutti. Oltre serve un po’di gamba per tenerla attiva ed apprezzare la scarpa: se siete dei muscolari, potete tranquillamente portarla oltre, specie aggiungendo la soletta più spessa tra le due a disposizione per renderla ancora più protettiva.

Difetti: non mi piacciono le scarpe nere. Marta, posso avere quelle verdine la prossima volta?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...