Nike Pegasus – the legend is back!

Siamo stati a Barcellona per la presentazione di Nike delle nuove Pegasus Trail, e così abbiamo colto l’occasione per mettere a confronto le due declinazioni, trail e strada. E per rendere la cosa più divertente, coach Grazielli ci ha abbinato due workout con cui farsi del male.

Iniziamo con la versione stradale, arrivata alla trentaseiesima versione. Già, correva l’anno 1983, e Nike cercava una scarpa versatile che fosse adatta a tutti i runners. Ne uscì qualcosa che nel tempo è stata calzata da tutti: se Joan Benoit Samuelson le portò a Los Angeles sul gradino più alto della prima maratona olimpica femminile, Eliud Kipchoge le usa regolarmente in allenamento, ed è tuttora la scarpa da corsa più venduta dal marchio di Portland. Il mio ricordo delle Pegasus risale a parecchi anni fa, e me la ricordavo come una scarpa buona per tutto si, ma un po’ingombrante e non propriamente veloce. Beh, avrei fatto meglio a riprovarla nel tempo, perché le ultime declinazioni della scarpa sono decisamente più filanti.

Arrivando alle nostre Air Zoom Pegasus 36, la calzata è comoda, ed anche grazie al mesh molto aperto, la scarpa dà subito una sensazione di leggerezza. Linguetta e collaretta sono state aggiustate e ridotte in volume, aumentando la precisione. La regolazione con il sistema Flywire è ottima e l’allacciatura corta favorisce una bella azione di corsa. E’una scarpa “bassa” nella parte del tallone come struttura, ma mantiene il drop 10 mm “storico”. Onestamente, una volta calzata, sembra molto meno alta che sulla carta, forse anche grazie al foam Cushlon della midsole. Sulla stregua di quanto fatto sui modelli di punta con l’inserimento del Pebax sulla suola intera, la Air Zoom Unit è su tutta la lunghezza della suola, e si sente la sua presenza in termini di ammortizzazione e rilancio, con il bonus di avere anche una discreta rigidità alla torsione.

The Temple of Tarmac

Su strada, si fa apprezzare a ritmi allegri dove la struttura affusolata permette appoggi rapidi e precisi, ma perdonando anche qualcosa alla forma grazie all’ottima ammortizzazione. E’ una scarpa che va bene su tutte le distanze classiche della strada, dai 10 km alla maratona ed oltre: fedele all’idea originaria, la sua qualità principale è proprio la versatilità. David Laney, presente al lancio come atleta, ha strappato a tutti una risata ricordando i tempi in cui con la Pegasus ci giocava anche a basket, per dire.

IL WORKOUT

Versatilità, fa venire in mente le basi. E allora alla Pegasus abbiniamo un workout classico del lavoro in soglia, ma con un twist creativo. Perfetto per le fasi finali di preparazione di una mezza, o come test per capire in che zona lavorare sulle gare lunghe, in DU coaching lo abbiamo ribattezzato Alberto’s In&Out, non tanto per l’Alberto Salazar di Oregon Project, ma per un altro Alberto che nelle fredde sere d’inverno di Schio martella ciclabili come se non esistesse un domani.

Il lavoro? Semplice, tre chilometri di riscaldamento tranquillo, qualche allungo e poi si attacca con un miglio attivo intorno o appena sopra alla soglia aerobica inframezzato da un miglio che non deve essere di vero recupero, ma va tenuto bello allegro. Ad esempio, se state a 3:40 nella parte attiva, il recupero dovrebbe essere sui 4:15/4:20, in float, come suol dire. Quante ripetute? Dalle tre alle sei è già una bella mole di lavoro, contando davvero che il recupero non è reale. Insegna a smaltire il lattato a ritmi alti e ci tiene sul pezzo per almeno mezz’ora: cosa volete di più? Chiudere con almeno 2km di defaticante molto tranquillo, mi raccomando.

Passiamo alla versione trail, e notiamo subito che è stato fatto uno sforzo per mantenere la stessa impostazione e linea. Anche per la Air Zoom Pegasus 36 Trail il drop è 10 mm, la forma affusolata, e resta la collaretta bassa nella parte posteriore per tenere libero il tallone d’Achille.


Dove la scarpa è stata modificata è nel mesh, che ovviamente è decisamente più resistente anche se è stata comunque esaltata la traspirabilità e la capacità di drenare, nella parte suola ed intersuola. Qui il cuscinetto Air Zoom è stato spezzato in due per favorire l’appoggio su terreni sconnessi, e la suola, pur mantenendo la stessa mescola, ha una struttura ovviamente diversa. I tasselli sono più bassi che nelle altre scarpe trail di Nike (Terra Kiger e Wildhorse, entrambe quest’anno alla quinta versione) ed offrono maggiore superficie di contatto per una corsa più confortevole.

Nei piedi resta comodissima come quella da strada, con anche qualche imbottitura aggiuntiva sul collo piede e degli overlap di protezione sul puntale ed altre parti più soggette ad abrasione. Provata in condizioni abbastanza toste, la suola tiene molto bene, una sorpresa vera rispetto al passato: sia in discesa, anche su pietre, che in salita su terra pesante e fango, il grip c’è, la precisione anche. Quando poi la mettete alla frusta su sentieri scorrevoli o stradoni sterrati, mette in luce le sue caratteristiche migliori. Si fa comunque apprezzare anche su strada, rendendola una bella scarpa da door-to-trail.

IL WORKOUT

Anche qui, ci piace combinare con un lavoretto dedicato alla soglia, ma la Pegasus richiama al Pacific North West e le sue foreste, sensazioni di libertà e ritmi alti. Così facciamo una cosa semplice e non troppo strutturata come un Fartlek 4-1 con quattro minuti a buon ritmo ed uno di recupero easy, da fare rigorosamente in progressione graduale ed arrivando all’80-85% della velocità max. Meglio su terreno mosso ma senza salite secche. Ottimo pre gara per testare le gambe se si resta sui 15/20 minuti, ma benissimo anche ad inizio stagione quando non c’è ancora molta base ma si vuole stare “in zona” se lo portiamo a 30/40 minuti! Ovviamente solito riscaldamento prima e defaticante dopo da 15/20 minuti.

Questione di flow, anche se siamo nel parco dietro casa e l’Oregon è a nove fusi orari di distanza: garantite sensazioni inebrianti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...