Virtual Racing, di necessità virtù?

Se vivi sul mio stesso pianeta, il 2020 non sarà l’anno perfetto per gareggiare, strappare un più o meno agognato premio finisher o anche solo appuntarsi un pettorale addosso. Non è stato finora nemmeno il miglior anno per qualche PB sulla distanza preferita, o magari sì, (se ce l’hai fatta vuol dire che ti sei arrangiato, that is the way), perchè di eventi comunitari quest’anno ce ne ricorderemo gran pochi.

A questo punto qualcuno potrebbe tranquillamente alzarsi in piedi, puntare il dito ed esclamare che delle gare ‘vere’ non gli manca nulla, che le persone rimangono, lo sport è resistito e l’importante è correre. Potremmo anche affermare che gli eventi sono rimasti solo che non sono veramente ‘lì’: sono stati sostituiti dalla proliferazione estesa di ritrovi virtuali. Tutto ciò è vero, ma se a molti di noi il mondo racing davvero non manca, altri invece hanno cercato ostinatamente diversi escamotage per sopperire alla mancanza di medaglie da appendere e classifiche in cui specchiarsi, divertirsi, confrontarsi.

Going virtual, going mad.

E così in un mondo momentaneamente bloccato nelle relazioni in carne e ossa, il virtual diventa l’unico mezzo di interazione e l’ambito sportivo non si è tirato indietro: dopo qualche timido tentativo da parte di grosse aziende con sponsorizzazioni a charity runs e allenamenti condivisi su piattaforme social, arrivano i pezzi da novanta a fare le proposte più coinvolgenti: gli organizzatori delle gare, probabilmente i più interessati dall’annullamento o dalle posticipazioni della gran parte degli eventi di corsa.

Molte organizzazioni hanno seguito l’inflazionatissimo standard di ‘corri qualche km il giorno della gara e fai presenza sui social mostrandolo’ in maniera da creare un senso di comunità e non far finire l’annullata competizione nel dimenticatoio. Molti invece han cercato format differenti e accattivanti, premi (ed esche) diversi, e hanno raggiunto successo su differenti livelli. Ha raccolto grandi consensi Lazarus Lake, organizzatore della Barkley Marathon, con la sua nuova Great Virtual Race Across Tenessee, 1000 km da completare durante l’estate (ma che ha già diversi finishers), due weekend fa il Passatore ha organizzato il suo evento per commemorare la gara annullata con un challenge a staffetta, in coppia o in solitaria, mentre la settimana scorsa si è svolta la Centurion One Community run, che ha raccolto più di 3600 partenti su diverse distanze.

E con appuntamenti come questi, tutti gli Zen runners del ‘corro per me stesso’, che avevano (ri)scoperto la libertà del trovare i propri spazi, i propri tempi e il gusto di allenarsi senza una vera meta (o una Destinazione Sconosciuta, ndr) han deciso di mettere da parte il saio del monaco e di intraprendere nuove sfide. Diciamolo: quando qualcuno ci ha ricordato la nostra natura del macinatore della domenica, del ‘sacchettaro’ e del competitor, facendo scintillare qualche medaglia, una classifica virtuale e persino i pettorali ben confezionati col nostro nome sopra, non abbiamo saputo resistere alla virtual frenzy : ci siamo buttati direttamente sul tasto ‘Iscriviti qui’.

Run from your coach.

Le comodità di queste gare le abbiamo trovatae subito: si arriva comodi, parcheggiamo senza problemi, non c’è fila per il bagno chimico alla partenza nè la ‘griglia’ che ci bolla nei nostri tempi. E poi la gente, quanta gente senza occupare spazio! Le classifiche, gli aggiornamenti social, le chat che vibrano di interesse per i risultati degli altri, le storie che diventeranno culto alla prossima birra assieme, e senza neanche vedersi di striscio.

Gareggiare in questa maniera assume una dimensione aggregante se possibile maggiore: lo stesso evento virtual raccoglie assieme atleti su distanze multiple e possibilmente anche persone di diversa estrazione, dal fondista a caccia di una facile 10km all ultra maniac che metterà in qualche giorno diverse decine di km sotto la cintura (qualcuno ha detto fibbia?). 

Il ritorno dell’ empowerment della propria inventiva?

Forse a causa delle contingenze da lockdown, gli ultimi tempi ci han visto inventare le più disparate forme di performance: completare maratone nel giardino di casa, andare di corsa al lavoro facendoci capire quanto sprechiamo in quei 15 minuti di auto, contare quanti giri del quartiere riusciamo a fare per arrivare alle iconiche distanze del nostro sport. Impariamo addirittura che correre in qualche Loop non è così da dementi: abbiamo fatto di necessità virtù. Tutte le ore passate a correre attorno a casa (quelle che non ci hanno infortunato, almeno) ci hanno tenuto ‘affamati’, e pronti a sfogare le energie represse.

Eppure nel guardare la nostra community ripartire un po’ di amaro rimane: seguendo la scena online si ha l’impressione che ci sia un grande bisogno di mostrare i muscoli, e di arraffare il premio, mostrando il risultato e i numeri. Non che non esistesse già prima, più fluida grazie all’interazione social del post gara, ma ora che manca una classifica ufficiale e immediata fruibile da tutti, i contenuti auto celebrativi semplicemente pullulano.

Gli organizzatori forse non hanno aiutato, giocando un po’ sul ‘the blinger, the better’ per i premi: più scintilla e meglio è, distogliendoci un po’ da noi stessi e dal processo con cui costruiamo i nostri risultati, focalizzandoci solamente sull’obiettivo .

Una cosa che sicuramente ci rimarrà dentro è la felicità di ripartire, per chi si era fermato, e l’entusiasmo di cercare ancora quella sensazione meravigliosa che solo l’attraversare una finish line sa dare.

Ci ha ridato un po’ di struttura e a tanti l’entusiasmo per ripartire dopo una pausa forzata in un mare di nulla: questo virtual racing forse in qualche maniera s’ha da fare

Provocato, mi tocca dire la mia.

Ho un’età, anagrafica e sportiva, per cui il mondo del virtual, mi riesce ostico. Ma spero sempre di non essere così ottuso da finire a fare il grumpy coach.

Quindi, in tempo di quarantena ho addirittura fatto il mio buon account ZWIFT, e si, mi sono messo a correre virtualmente, ad inseguire livelli per sbloccare la scarpa rosa o l’occhiale televisorato, e soprattutto, ho aspettato il weekend per poter fare una 5/10 km virtuale quando manco morto sarei andato in tempi non sospetti a fare la gara FIDAL del paese qui a fianco.

Perché? Non lo so, forse per noia o per non correre sempre e solo aspettando di vedere passare i chilometri sul treadmill, però mi è piaciuto. Mi ha costretto ad uscire dalla mia comfort zone e mi ha anche migliorato come runner. Ho trovato un manipolo di personaggi che mi si ripresentavano sulla start line ed ho imparato che c’era quello che partiva alla Jimbro e quello che veniva fuori facendo l’ultimo km a 3:20, ho sfruttato la scia virtuale di qualcuno dei miei che mi trainava a ritmi per me poco consoni (effetto Roberto da Varese) e sono esploso gioiosamente quando ho chiesto davvero troppo. Tutto bello, fondamentalmente perché poco impegnativo.

Ora vedo virtual sfide crescere e spuntare, iscrizioni, classifiche, premi, riconoscimenti, e mi chiedo se ne farò qualcuna. Probabilmente si, per far compagnia a qualcuno o tanto per muovermi un po’. Ma la verità? Non mi entusiasmano e faccio fatica a farmi prendere.

Perché alla fine mi piace la ritualità di mettersi un numero, partire su una linea, prenderle e poi sedermi a terra dopo la linea d’arrivo. Dire una stupidaggine a quello con cui corro o anche solo sorridere quando incrocio un volontario o un passante. La competizione come momento in cui confrontarsi con te stesso e con l’ambiente creato dalle persone ed i luoghi. Non è teatralità, ma ogni attività acquista valore, per me, se inserita in un contesto.

Quindi, come dico sempre ai miei atleti, guardo con curiosità a tempi, prestazioni, chilometraggi, follie e tutto quello che sta uscendo dal web e dai social. Mi piacciono e alcune mi esaltano.

Ma ricordatevi che è solo virtualità. La poesia vera, quella che ci emoziona, che ci ha fatto innamorare della corsa, beh, quella si fa guardando negli occhi compagni ed avversari. Ad armi pari e condizioni uguali per tutti.

Tornerà presto il momento in cui ci ritroveremo dietro una linea di partenza vera: nel frattempo, teniamoci la versione virtuale, divertiamoci, stiamo sul pezzo e facciamo passare questo periodo: in the land of hope, there is never any winter. E comunque correre ci è sempre piaciuto anche senza classifiche o conta dei like, no?

The march of the damned

Proprio così: il primo tapis roulant fu ideato e realizzato in Inghilterra nel 1818 da Sir William Cubitt, ed immediatamente introdotto in più di 100 carceri inglesi e poi americane con lo scopo di punire i carcerati e nel contempo produrre energia a propulsione umana.

Non era altro che una grande ruota fatta a scalini che i detenuti erano obbligati a risalire come una scala infinita. Il loro passo faceva girare la ruota in modo da creare l’energia per pompare acqua o muovere una macina per schiacciare il grano. E’ per questo motivo che nel termine inglese treadmill troviamo infatti, la parola mill, mulino.

Chi lo avrebbe mai detto che due secoli più tardi uno strumento nato per punire i prigionieri sarebbe invece diventato per molti di noi la scorciatoia verso la libertà. Una valvola di sfogo, nella “prigionia domestica” di isolamento non volontario che stiamo vivendo.

Chi mi conosce sa bene, che non programmo delle uscite ne tanto meno degli allenamenti: i lunghi, le ripetute, la soglia, i progressivi… per me è un mondo estraneo. Esco quando mi va a fare qualche km vicino casa, soprattutto nei fine settimana, ma nella quotidianità sono più le volte che trovo una scusa per non uscire. Mi piace correre per vedere dei bei posti, anche gli stessi vicino casa, ma che mutano con le stagioni, o per poter esplorare e vivere luoghi nuovi quando sono in viaggio per lavoro o in vacanza. Non ho un piano di allenamento ne tanto meno di gare. Ogni tanto ne faccio qualcuna per il semplice motivo di poter vivere l’emozione di un posto a me caro o perché attratta dalla storicità di una competizione.

Quando a Marzo la situazione che tutti conosciamo è precipitata mi sono ritrovata a dover rivedere in un attimo la mia visione.

Lavoro come freelance quindi mi capita già spesso di lavorare da casa, su questo punto ero organizzata. Mi manca un po’ il confronto, personale con i clienti che semplifica a volte il lavoro, ma su quello ci viene in aiuto la tecnologia.

Della quotidianità, sarà una banalità, ma mi manca il caffè sulla piazza del paese la mattina, quel confronto umano che non si può sostituire. Entri nel bar e scivoli automaticamente nella discussione in corso. Ti confronti spesso con persone molto diverse da te, vuoi per l’età, gli interessi, lo stile di vita, ma proprio per questo motivo i loro discorsi ti fanno ragionare e vedere le cose da un altro punto di vista, in qualche modo ti fanno riflettere, ti arricchiscono.

A volte invece esci e sai anche solo quanto paga il frantoio le olive questa stagione. Che poi a dirla tutta, per me che ho solo sempre saputo quanto pagava l’uva la cantina sociale, è interessante anche quello.

Davo per scontato delle cose che scontate non lo sono affatto. La libertà in tutte le sue sfaccettature, ero così abituata ad averla che non la apprezzavo tanto quanto meritava.

Da noi un ordinanza del Sindaco ha proibito da subito l’accesso a strade pedonali e tutti sentieri se non per l’accesso alla propria abitazione.

Mentalmente devastante, rimani spiazzato. Poi ci ragioni, scavi dentro te stesso e cerchi di tirar fuori il meglio che si può. Ti crei una tua routine quotidiana con i mezzi che hai, ma alla fine è inutile, quel bisogno di fare, di sfogare quel qualcosa che non so nemmeno io cos’è ma che mi fa stare bene con me stessa, era proprio quel gesto della corsa, quel metter un piede davanti all’altro e staccare la testa.

Sapevo quale sarebbe stata la soluzione, avevo un solo dubbio che mi tormentava: ma dove lo metto? Il dubbio è stato subito risolto dal mio partner in crime, perché esistono i tapis roulant ultraslim.

Ordinato, arrivato, scartato. Emozionati come fosse la mattina di Natale.

Costare, costa. Non macina grano ma consuma energia elettrica. Il panorama è bello ma è sempre lo stesso.

Eppure io fisso il limone davanti a me, corro sudata in mezzo alla corrente per avere il vento tra i capelli, ma sorrido!

Treadmill (o ironicamente dreadmill, il mulino del terrore): raramente ci sono mezze misure, o lo si ama o lo si odia (anche se il COVID 19 ha decisamente rivisto la posizione di tanti.

Io sono sempre stato nella prima categoria: non mi ha mai dato fastidio usarlo quando disponibile, e nel tempo ho imparato ad apprezzare la possibilità di lavorare in maniera controllata e sperimentare con soluzioni differenti sia sul pacing che sulla pendenza. L’unica cosa che personalmente non riesco a digerire molto è la lunghezza: per me una session di treadmill ben fatta va dall’ora all’ora e mezza. Oltre perdo concentrazione, e credo di essere andato raramente oltre alle due ore.

Love at first sight

Il primo, evidente, benefit del treadmill è quello di essere completamente indipendente dalle condizioni esterne, che siano meteo, temporali o legislative. Sul treadmill mi è più facile ricreare sempre le stesse condizioni, cosa che per alcuni allenamenti (pensiamo ai test FTP o di VO2Max) è essenziale nel monitorare la condizione.

Il treadmill offre una superficie ammortizzata e reattiva, cosa che tendenzialmente ci aiuta ad affaticare meno i muscoli: in queste settimane, con i nostri atleti che stanno lavorando indoor, noto una capacità di recupero maggiore e la possibilità di inserire più intensità. Questo significa condizionamento maggiore a parità di volume, o stesso risultato con meno volume a seconda della fase che stiamo affrontando o come vogliamo pianificare il periodo. Il treadmill elimina molte di quelle che definiamo spesso junk miles, i chilometri spazzatura.

Altro grande vantaggio del treadmill, è poter modulare in maniera precisa la pendenza: ci apre la possibilità di lavori progressivi basati non sul ritmo ma sul gradiente, di forza muscolare sul lungo, o di capacità se ripetuta. Ma anche poter fare grossi blocchi a simulare salite continue come quelle delle ultra classiche di montagna, gestendo al meglio la continuità di sforzo ed i recuperi: dove si può ricreare una salita costante di 10/12 km al 10%? Magari con recuperi in piano ogni 3 km da 800 metri?

Se avete un treadmill che simula la discesa, o se siete abbastanza smaliziati da riuscire ad alzarlo con una traversina, potrete anche allenare le lunghe discese corribili, la classica situazione che demolisce le gambe in un’ultra con l’accentuarsi dell’impatto muscolare: una gara come Western States, o anche solo LUT, dove spesso dopo lunghe discese ci sono tratti molto corribili, la si gioca spesso più in discesa che in salita.

Qualcuno dice che il treadmill è anche divertente (cit. Roberto da Varese e/o Franz da Treviso). Non nelle loro dosi, forse. Però l’avvento di ZWIFT ha reso tutto un po’ più glamour, almeno. E con i running sensor non c’è bisogno di calibrare a mano il treadmill per avere dati precisi, e ce li ritroveremo immediatamente su Training Peaks, STRAVA o dove vogliamo caricarli: dietro consiglio di Marco ed Alessandra di HRV4Training ci siamo orientati verso RUNN perché misura perfettamente anche la pendenza ed ha un costo accettabile, ma il semplice pod di ZWIFT, quelli di STRYD o RUNSCRIBE, funzionano tutti più o meno bene. Anche le scarpe di UNDER ARMOUR con Bluetooth incorporato, sono una soluzione valida. Il vostro GPS invece no, perché l’accellerometro ha un miliardo di motivi per segnare dati fantasiosi, meglio tenerlo solo per la traccia HR.

Qualche consiglio pratico: come avrete sentito dire da tanti, tenere un 1-2% di inclinazione aiuta nel gesto, e ricrea anche la stessa resistenza che outdoor avremmo nel vento da noi generato, ad essere proprio precisi. Per lo stesso motivo, la mancanza di aria generata dal nostro spostamento, suderete copiosamente e creerete una sorta di bolla d’aria umida e calda intorno a voi: ottimo usare un ventilatore, ma anche bere spesso. Ancora più importante, i vostri battiti saranno sicuramente più alti ed il fenomeno del cardiac drift nettamente più accentuato: come sempre vi diciamo, attenzione ad usare il battito come marcatore di zone predeterminate di sforzo! In ultimo: tenete d’occhio la cadenza, il treadmill vi porta ad aumentarla, troncando spesso la fase di spinta che su un terreno in movimento è difficile da eseguire bene. Se da un lato non è male provare ad aumentare le cadenze, non lo è a discapito dell’economia di corsa: approfittiamo del treadmill per controllare sempre la nostra tecnica e trovare efficacia, non solo numerini su un display.

Have fun… e trattate bene il vostro compagno di allenamenti, ha anche lui dei sentimenti, fatelo girare spesso…